Concept

Costruire edifici vivi. Perseguire la sostenibilità attraverso: naturalità, organicità, diversità, tecnologia.

Naturalità. Ottenere dall’edificio lo stesso equilibrio che un albero ha con la terra ed il cielo.
I processi di interazione di piante e animali affinati nei secoli sono solo in parte sfruttati nella nostra tradizione costruttiva. L’utilizzo delle energie rinnovabili e l’attenzione alle prestazioni dell’involucro edilizio può migliorare decisamente il rapporto tra edificio e pianeta.

Organicità. Coesistere in armonia.
Ossa, muscoli e membrane partecipano, senza priorità dell’uno sull’altro, ad obbiettivi comuni. Costruire, de-limitare spazi che rendano possibile lo sviluppo dell’individuo in armonia con gli altri individui e con il pianeta.

Diversità. La differenza crea appartenenza, riconoscibilità, sviluppo.
L’individuo per poter vivere in armonia deve poter essere se stesso. L’articolazione e la modificabilità degli spazi dà la possibilità di scegliere il proprio spazio e sentirlo proprio.
Odori, colori, forme generano amore, odio, nostalgia. Le emozioni imprimono al corpo vibrazioni che rapportano l’individuo con lo spazio che lo circonda.

Tecnologia. Utilizzo delle tecnologie esistenti a basso costo energetico, generanti l’architettura, tali da interagire con l’esterno e con l’interno, sostanziando e concretizzando l’organismo edilizio respirante.